arrow

Metodo



Il protocollo DIETACARE

per la gestione del peso è un percorso nutrizionale a contenuto controllato di carboidrati e grassi che prevede un apporto proteico in linea col fabbisogno fisiologico.

Perdere peso non è mai stato cosi facile

I carboidrati, pur restando una fonte energetica importantissima in condizioni di normale alimentazione, non vengono ritenuti nutrienti essenziali al pari di alcuni acidi grassi, aminoacidi e vitamine in quanto l'organismo umano ha la capacità di sintetizzare glucosio da altri substrati, aminoacidi e glicerolo, e dunque il fabbisogno energetico, in carenza di carboidrati, può essere soddisfatto anche dai lipidi e dalle proteine.

L'adattamento metabolico dell'organismo all'assenza o alla riduzione dei carboidrati è il principio su cui si basa la dieta chetogenica.
Infatti, in queste condizioni si assiste alla deviazione del metabolismo verso l'utilizzazione dei grassi di riserva a scopo energetico portando ad consumo di tessuto adiposo. Per comprendere meglio il meccanismo basti pensare al funzionamento di una macchina bi-fuel (benzina/gas).
Riducendo o eliminando una fonte energetica (benzina/carboidrati) la macchina è in grado di funzionare col combustibile di riserva (gas/grassi).
L'utilizzo della fonte energetica secondaria continua fino al ripristino del combustibile primario (carboidrati).

Per poter seguire correttamente ed efficacemente il regime alimentare è di grande importanza seguire scrupolosamente sia la parte che precede sia quella che segue la fase chetogenica.
Iniziare una dieta chetogenica senza un'opportuna fase di preparazione potrebbe limitarne l'effetto mentre un'uscita dallo stato chetosico gestita in modo scorretto potrebbe vanificare i risultati ottenuti.

Fase di preparazione o induzione

La fase di preparazione serve ad ottimizzare la capacità dell'organismo di utilizzare i grassi come fonte energetica, dunque il suo razionale è quello di mettere l'organismo nella condizione di massimizzare il rendimento della dieta chetogenica in termini di perdita di tessuto adiposo in eccesso.

Sarà compito dello specialista gestire modalità e tempistiche di questa fase secondo le necessità individuali.

Fase di reintegro o transizione

Questo ultimo step del protocollo consiste nel ritorno graduale all'alimentazione impostata per il mantenimento.
Per il mantenimento, nel lungo periodo,del risultato ottenuto, la fase di reintegno è probabilmente la più importante e delicata dell'intero percorso.
Diversi approcci sono stati proposti da vari autori per gestire al meglio la fase del reintegro. L'idea di base comunque è quella di evitare l'introduzione repentina di una quantità eccessiva di carboidrati per impedire iperstimolazioni insuliniche che potrebbero portare alla formazione di nuovo tessuto adiposo.

Nello specifico, la fase di transizione del protocollo DIETACARE® prevede uno "svezzamento" graduale attraverso un periodo di dieta chetogenica ciclica nella quale, nell'arco della settimana, si alternano giorni chetogenici a giorni semplicemente low carb. Successivamente viene impostato lo schema nutrizionale per il mantenimento dell'obiettivo raggiunto.

Named S.p.A. | P. Iva 00908310964 | via Lega Lombarda 33 | 20855 Lesmo (MB) | Privacy Policy

facebook twitter youtube linkedin